Errato conferimento spazzatura: continuano i controlli serrati a gravina. multe e segnalazioni.

Pubblicato il 2 novembre 2023 • Ambiente , Comune , Emergenza , Protezione Civile , Servizi , Sociale , Tributi

Il Sindaco di Gravina di Catania Massimiliano Giammusso e l'assessore all'Ecologia e all'Ambiente Enzo Santoro informano la cittadinanza che sta continuando senza sosta l'azione amministrativa di contrasto all'errato conferimento dei rifiuti.

In particolare negli ultimi giorni, grazie ai controlli incessanti e congiunti sia del personale della Dusty che della locale Polizia urbana, che ha in Michele Nicosia il suo comandante, ma anche grazie al potenziamento delle videocamere di sorveglianza installate a Gravina, sono stati individuati, identificati e, in qualche caso, anche multati diversi soggetti che in varie zone di Gravina, specie in prossimità dei parcheggi pubblici presenti, erano intenti a disfarsi in maniera indiscriminata dei rifiuti, depositandoli (o addirittura lanciandoli a distanza), in barba al rispetto del regolamento comunale che prevede regole ben precise in merito a tempi e luoghi di deposito degli stessi. 

"Il numero dei cittadini che effettua la raccolta differenziata correttamente a Gravina - afferma il sindaco Massimiliano Giammusso - è sicuramente aumentato sino ad assestarsi intorno ad una percentuale di circa il 70% rispetto all'iniziale 21% che questa Amministrazione trovò cinque anni fa all'atto del suo insediamento, ma ciò non deve affatto farci desistere dall'obiettivo di incrementare ulteriormente questa quota. Fra l'altro, anche la recente apertura del CCR, Centro comunale di raccolta dei rifiuti difficili da smaltire, dovrebbe ulteriormente invogliare la cittadinanza a bene operare in tal senso".

L'assessore Santoro dichiara, dal canto suo, che "occorre capire che aumentare la percentuale di corretto conferimento significa abbassare per i singoli cittadini il costo della bolletta TARI, sicché ad una iniziale fase informativa e propositiva da noi già seguita se ne accosta adesso una repressiva tesa ad evitare che i furbetti di turno non rispettino le regole cagionando, per ciò stesso, danni in generale all'ambiente oltre che alla nostra Gravina".