Article Details

IL SINDACO RAPISARDA ADERISCE ALL’INIZIATIVA ANCISICILIA SULLA SOSTENIBILITA' FINANZIARIA DEI COMUNI

L’Amministrazione comunale di Gravina di Catania, guidata dal sindaco Domenico Rapisarda, aderisce all’Assemblea dei Comuni Siciliani convocata a Palermo per lunedì 5 maggio, per discutere della grande incertezza sulla tenuta economica – finanziaria dei Comuni. “L’obiettivo – precisa il sindaco di Gravina  e Consigliere nazionale dell’Anci – è  quello di dare il nostro contributo al  percorso che, anche attraverso l’elaborazione di un documento programmatico ‘aperto’ dal titolo I Comuni siciliani in dissesto, tra riforme mancate ed il baratro finanziario, deve portare ad avanzare proposte concrete per la sostenibilità finanziaria degli Enti.

A Gravina – continua il primo cittadino  – lo scorso mese di marzo il Consiglio comunale ha approvato il bilancio consuntivo relativo alla gestione 2013, certificando lo stato di salute delle nostre casse comunali. Tuttavia, pur registrando il bilancio un saldo positivo, frutto dell’oculata amministrazione degli ultimi anni, non possiamo nascondere ai nostri concittadini le difficoltà esistenti  dovute al ritardo con il quale Stato e Regione trasferiscono  le risorse ai Comuni, non mettendo così gli Enti nelle condizioni di programmare alcunché. Noi abbiamo rispettato il Patto di Stabilità, senza artifici contabili, ma siamo preoccupati per le conseguenze che potranno avere sulla qualità dei servizi erogati ai cittadini  i continui tagli dei  trasferimenti finanziari statali; nonché per il ritardo con cui avvengono i suddetti trasferimenti, che non ci consentono di approvare i bilanci in tempi rapidi. I cittadini – conclude Rapisarda– devono perciò sapere che ogni euro tolto ai Comuni è un euro di tasse per loro”.

  Gravina di Catania, 30 aprile  2014

  

   Comune di Gravina di Catania

       L’Addetto Stampa

       Alberto Santagati

       Odg n°058906                

Inserito da: uff_stampa
Data di inserimento: 30/04/2014
Numero di visite: 1347

Ritorno